Home » La pianta della Curcuma
la pianta della curcuma

La pianta della Curcuma

La curcuma è ottenuta dalla pianta della Curcuma longa, appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae, lo stessa dello zenzero, ed è un condimento base della cucina orientale, tanto da essere l’ingrediente principale del Curry.

Si tratta di un tipo di pianta erbacea perenne rizomatosa da fiori, aromatica e medicinale e, nonostante spesso si parli delle controindicazioni della curcuma, questa è una delle spezie più sane in circolazione, ha un aroma intenso, amaro e un po’ speziato, e un colore giallo dorato che è dato dai curcumoidi.

La pianta della curcuma è originaria del sud-est asiatico, dove il suo uso culinario è da far risalire ad almeno venticinque secoli addietro. I suoi effetti benefici sulla salute e sulla conservazione del cibo, insieme al suo colore giallo brillante che lo collega al Sole, avrebbero dovuto favorirne l’uso simbolico e cerimoniale.

In India, la curcuma è considerata un simbolo di prosperità e un purificatore fisico e spirituale. Una miscela di curcuma e acqua di calce è ancora utilizzata nei riti di culto in numerosi templi, dove il bagno nuziale include la colorazione della sposa con quella miscela. Un filo tinto di giallo con curcuma è considerato infatti un buon presagio ed è indossato come un braccialetto.

In Polinesia invece, la curcuma si cosparge sulle spalle durante le danze rituali per spaventare gli spiriti maligni.

La Pianta della Curcuma: Classificazione e Informazioni Utili

La curcuma indiana è una pianta perenne, un metro o un po’ più alta, con radici tuberose, rizomi cilindrici e grandi foglie, di forma ellittica e verde giallastro, con lunghi piccioli che partono direttamente dal terreno.

L’intero cespuglio di rizoma, che cresce meglio in un clima caldo e umido, viene attentamente sollevato per prevenire danni e le “dita” vengono tagliate dai rizomi più grandi.

la pianta della curcuma

La curcuma viene bollita o cotta a vapore e quindi lasciata asciugare. Il guscio esterno si stacca e le ruvide “dita” marroni diventano una trama giallo-arancio e cerosa. Il dosaggio della curcuma varia in funzione del tipo di assunzione e dell’uso che ne viene fatto.

La Curcuma comprende numerose specie che trovano largo impiego nell’industria floreale, non solamente per la sua bellezza ma anche per la sua lunga durata.

Sono piante caratterizzate da un grande rizoma ramificato irregolarmente, che rappresenta una parte di grande interesse commerciale in alcune specie. Le foglie sono allungate e con fiori associati a infiorescenze a spina di pesce, colorate in modo irregolare dal giallo all’arancio, a seconda della specie e della varietà.

Esistono circa sessanta specie nel genere Curcuma, tra cui le più diffuse sono la curcuma alismatifolia e la curcuma longa.

La specie Curcuma alismatifolia è una pianta originaria dell’India, caratterizzata da foglie lanceolate, un bel colore verde chiaro.

I fiori crescono all’apice di steli lunghi fino a 70 cm, rosa e di lunga durata, sebbene siano tagliati. I fiori ricordano molto i fiori della pianta delle ninfee e forse anche per questo motivo sono molto apprezzati dal punto di vista commerciale.

Questa specie è anche conosciuta con il nome di tulipano Siam o zenzero e la sua fioritura avviene in estate.

La Curcuma longa invece è senza dubbio la specie più diffusa e alla quale ci si riferisce quando si dice semplicemente “curcuma”. Dal rizoma di questa pianta si ottiene la nota spezia, la curcuma, la quale è ampiamente usata nei paesi orientali.

Tecniche di Cultura della Curcuma

La Curcuma cresce attivamente fin dalla primavera e poi per tutta l’estate ma i rizomi entrano nel riposo vegetativo totale durante il periodo autunno-inverno. Infatti, in questo periodo è necessario lasciare il rizoma secco e fresco, in un ambiente in cui le temperature si aggirano intorno ai 17 ° C. In primavera, quando iniziano a comparire i primi germogli, solo allora si dovrebbe riprendere la normale cura culturale.

tecniche di cultura della curcuma

Le temperature minime invernali a cui i rizomi devono essere conservati non devono scendere al di sotto di 17 ° C poiché la produzione dei fiori sarebbe compromessa, mentre le temperature estive non dovrebbero superare i 35 ° C poiché comprometterebbero la crescita del pianta.

Se vuoi coltivare la curcuma all’aperto, devi piantare i rizomi in primavera, quando eviti il ​​pericolo di gelo.

È una pianta che necessita di una buona esposizione alla luce anche se è necessario evitare la luce solare diretta.

Irrigazione e Umidità

Dalla primavera e per tutta l’estate è necessario annaffiare in modo che il terreno sia sempre leggermente umido evitando il ristagno nei portavasi che non tollerano in alcun modo. Essendo una pianta originaria delle aree tropicali, è opportuno mantenere un ambiente umido attraverso l’appannamento frequente. In autunno, quando le foglie iniziano a ingiallire, è necessario sospendere qualsiasi contributo idrico lasciando asciugare completamente le foglie. Quando i primi pulsanti inizieranno a spuntare in primavera, sarà necessario riprendere gradualmente i rischi.

Una buon terreno per coltivare la Curcuma, deve essere costituito da torba, pacciame da giardino e sabbia, così da rendere la terra ben drenante. Il piatto deve essere piuttosto ampio poiché il rizoma ha una crescita discreta.

Fertilizzante

La Curcuma, dal momento in cui si formano i primi germogli, deve essere cosparsa con un buon fertilizzante diluito con l’acqua in modo regolare ogni due settimane fino all’ingiallimento delle foglie (settembre).

fertilizzare la pianta della curcuma

È opportuno utilizzare un fertilizzante che oltre a contenere macroelementi come azoto (N), fosforo (P) e potassio (K), contenga anche microelementi come ferro (Fe), manganese (Mn), rame (Cu), zinco (Zn), boro (B), molibdeno (Mo), magnesio (Mg), tutti importanti per una corretta crescita delle piante.

Potatura

Le piante di curcuma sono piante che non vengono potate. Vengono rimosse solo parti della pianta che vengono essiccate o danneggiate per evitare che diventino un veicolo per le malattie parassitarie.

Moltiplicazione

La moltiplicazione della curcuma si verifica per divisione dei rizomi.

La moltiplicazione viene di solito effettuata al momento del trapianto. In primavera, i rizomi vengono delicatamente divisi usando un coltello pulito, disinfettato (preferibilmente a fiamma) e affilato, per evitare lo sfilacciamento del tessuto e dividere il rizoma in diverse porzioni, ognuna dotata di almeno 2-3 foglie e Radici ben sviluppate. Le superfici tagliate devono essere trattate con prodotti fungicidi ad ampio spettro a base di zolfo.

Parassiti e malattie della pianta della curcuma

  • Presenza di piccoli insetti gialli sopra le foglie della pianta

Gli afidi, comunemente chiamati afidi, possono infestare queste piante. Possono essere di diversi colori a seconda della specie, ma quasi sempre dal giallo al verde o bianco.

Rimedio: è necessario trattare la pianta con insetticidi specifici. Questi sono generalmente prodotti sistemici, cioè entrano nel circuito linfatico della pianta e vengono quindi assorbiti durante la nutrizione degli insetti.

  • Foglie che iniziano a ingiallire e appaiono macchiate di giallo e castagno

Le foglie si tingono di giallo e dopo queste manifestazioni sono abbracciate e assumono un aspetto quasi polveroso e cadono. Osservandoli attentamente, puoi anche vedere sottili ragnatele, specialmente sul lato inferiore delle foglie. Con questi sintomi, siamo molto probabilmente in presenza di un attacco di acari o acari rossi, un acaro molto dannoso.

Rimedio: aumentare la frequenza dell’appannamento (la mancanza di umidità ne favorisce lo sviluppo) ed eventualmente, solo in caso di infestazioni particolarmente gravi, utilizzare sostanze chimiche specifiche. Se la pianta non è particolarmente grande, puoi anche provare a pulire le foglie per rimuovere meccanicamente il parassita usando un fiocco di cotone bagnato e insaponato. Successivamente, la pianta deve essere risciacquata molto bene per rimuovere tutto il sapone.

 
Summary
La pianta della Curcuma
Article Name
La pianta della Curcuma
Description
La pianta della curcuma appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae, è un tipo di pianta erbacea perenne rizomatosa da fiori, aromatica e medicinale e ha origine in Asia e Australia.
Author
Publisher Name
Greenhouse

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*